Arona, da sabato 02 dicembre a domenica 10 dicembre 2017
Rassegna Partigiani sovietici nella Resistenza italiana
Qui la locandina con tutte le manifestazioni
E qui il documento di presentazione dell'iniziativa da parte dei promotori, la Città di Arona ed la Sezione Anpi «Carlo Barberi» di Arona

Omegna, giovedì 30 novembre 2017, ore 11,00, al Cinema Teatro Sociale di Omegna - In occasione del 70° Anniversario della promulgazione della COSTITUZIONE la Sezione di Omegna e Zona Cusio dell'Anpi, l'Istituto Storisco della Resistenza
«P. Fornara» e la Società Operaia di Mutuo Soccorso di Omegna propongono
Costituzione della Repubblica Italiana
Intervengono il Dott. Giovanni Cerutti ed il Prof. Enrico Grosso

Novara, venerdì 24 novembre 2017, ore 20,30, nel salone della Camera del Lavoro, Via Mameli 7/b
La CGIL di Novara e del VCO, L'Istituto Storico della Resistenza «Piero Fornara» ed il Comitato Anpi di Novara propongono
Storie di calcio e Resistenza Persecuzione e Resistenza sotto il Nazifascismo
Introduce:
Attilio Fasulo, Segretario Generale CGIL Novara e Vco
Intervengono;
Giovanni Cerutti, Direttore Scientifico dell'Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea
«P. Fornara»
Paolo Sollier, Calciatore, Allenatore e Scrittore

Ameno, domenica 19 novembre 2017 - I Comuni di Ameno, Anzola d'Ossola, Omegna, Pettenasco e la Sezione Anpi di Omegna e Zona Cusio commemorano il 73° Anniversario dei Partigiani caduti a Pecorino (Cascine di Ameno) il 17 novembre 1944

Novara, martedì 24 ottobre 2017, in mattinata, in Piazza Martiri ed in Piazza Cavour
Commemorazione del
73° Anniversario trucidati
di Piazza Martiri e Piazza Cavour

Aprire la pagina qui sopra linkata con tutti i dettagli della giornata

Novara, Vignale, domenica 27 agosto 2017, 73°ANNIVERSARIO 13 MARTIRI di VIGNALE - Visionare la
Locandina del Programma
oppure accedere alla pagina Attività per maggiori informazioni
Qui la pagina di storia





Altre notizie dall'archivio dal 2017 al 2018

Altre notizie dall'archivio dal 2015 al 2016

Altre notizie dall'archivio dal 2013 al 2014

Altre notizie dall'archivio dal 2002 al 2012


Le raccolte di fotografie pubblicate sul nostro sito


Calendario della Resistenza: tante date e tanti Caduti da ricordare

Comitato provinciale di Novara




Riceviamo questa segnalazione dal Prof. Alessandro Orsi e pubblichiamo:

Ieri (25 novembre, N.d.R.) CasaPound si è presentata a Borgosesia, occupando in mattinata suolo pubblico con regolare autorizzazione e inventando una farsesca mostra sulla Grande Guerra nel pomeriggio in un bar.
I neofascisti a Borgosesia, a poca distanza dai monumenti ai caduti della Resistenza, regolarmente autorizzati dalle autorità competenti! Una vicenda grave, vergognosa per la nostra città e la Valsesia medaglia d'oro della Resistenza. Le segnalazioni fatte a sindaco, prefetto, carabinieri da parte dell'Anpi e delle organizzazioni democratiche non sono servite.
L'Anpi di Borgosesia convoca una riunione per domani, lunedì 27 novembre, presso la nostra sede, ore 20.30, per discutere la situazione e scegliere la strada più opportuna per contrastare il ritorno in valle di questi gruppi di matrice fascista. La riunione è aperta a tutti.





Una foto del Presidente Carla Nespolo

CARLA NESPOLO E’ LA NUOVA PRESIDENTE NAZIONALE ANPI. CARLO SMURAGLIA ELETTO PRESIDENTE EMERITO


È stata votata all'unanimità Carla Nespolo, prima Presidente dell'ANPI donna e non partigiana







Riportiamo il messaggio di commiato e nello stesso tempo di indirizzo che il Presidente Emerito Carlo Smuraglia ha rivolto al Consiglio nazionale ANPI nella seduta del 4 novembre 2017

Mi sia consentito, peraltro, di lasciarvi un messaggio per il futuro, dettato dall’esperienza che ho fatto con voi e anche, in qualche modo dagli insegnamenti di una lunga vita di impegno e di passioni.
Cercate di essere l’ANPI di sempre, con i suoi valori, le sue tradizioni, la sua complessa e meravigliosa realtà.
Cercate di resistere alle lusinghe ed alle tentazioni e conservate, rigorosamente e pervicacemente, l’autonomia che è – insieme all’identità – il bene più prezioso di cui disponiamo.
Cercate di mescolare le generazioni e i generi, perché l’ANPI deve essere un tutto unico anche se fatto di persone di esperienze diverse, in ogni caso, restando al di fuori da ogni disuguaglianza di genere.
Assicurate la continuità, prima di ogni altra cosa: il futuro ci presenta prospettive e problemi diversi e spesso nuovi; ma per affrontarli bisogna saper restare ancorati al nostro grande passato, alle nostre esperienze del dopo guerra, ai maestri di vita, come Arrigo Boldrini, che questa associazione ha presieduto per tanti anni dopo il periodo della Resistenza.
Se i tempi sono difficili e se i problemi aumentano o diventano più complessi, ricordatevi sempre che all’origine della nostra storia c’è stato il coraggio delle scelte e la forza di volontà di chi è sicuro di avere la ragione dalla sua parte.
In un’epoca in cui sembrano scomparsi, oltre alle ideologie, anche gli ideali, pensate sempre che, senza ciò che è scritto nei primi articoli del nostro Statuto, insomma, senza il richiamo ai valori della Resistenza e della Costituzione, non ci sarebbe davanti a noi alcuna seria prospettiva.
Ai tempi duri ed ai problemi nuovi e più complessi reagite con la volontà, la ragione e gli ideali che ci contraddistinguono e sono il nostro fondamento. E dove non arriva la ragione, scatenate la fantasia; dove la prospettiva sembra chiusa dentro confini ristretti, scavalcatela con un pizzico di utopia, che è poi quella che ci ha aiutato a combattere nella Resistenza, a resistere alle deportazioni e alla violenza. Non arrendetevi mai, di fronte a nessun ostacolo; non lo hanno fatto coloro a cui ci richiamiamo sempre con affetto, e non dovete farlo neanche voi, perché la rassegnazione, la passività, lo scoramento non appartengono, per definizione all’ANPI.
Coltivate i giovani, non con l’alterigia di chi sa già tutto e non ha nulla da imparare ma con la modestia di chi pensa che ognuno merita rispetto ed attenzione, perché da ognuno – quale che sia l’età o il genere – c’è sempre qualcosa di nuovo da imparare e da scoprire.
Aiutate i giovani a formarsi ed a crescere, non con la bacchetta del maestro ma con la mano ferma, dolce del padre o del fratello.
E’ con questo spirito che dovete affrontare un futuro denso di nuvole, senza scoraggiarvi mai, senza rinunciare a nulla della nostra tradizione e dei nostri valori, ma adeguandoli in modo che ci mettano in grado di superare ogni ostacolo.
Qualunque cosa accada, siate orgogliosi di essere membri dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, eredi di chi ha sofferto e combattuto per la libertà; e ricordatevi sempre che di questa gloriosa eredità bisogna essere degni, non solo e non tanto per il bene della nostra Associazione, ma per il bene e il futuro del nostro Paese.
In un suo bel libro, intitolato, non a caso, “Non è il Paese che sognavo”, il Presidente Ciampi (che era stato partigiano), faceva considerazioni molto sconfortate (ma davvero ancora oggi assai attuali), su un Paese “confuso e smarrito”, “imbarbarito nella vita pubblica e nel vivere civile”, “proteso troppo spesso verso l’interesse personale anziché verso l’interesse comune”. Pur di fronte ad un quadro simile, Ciampi non si arrendeva e preferiva richiamarsi ad una famosa frase dei fratelli Rosselli “non mollare”, spiegando “sta in voi volgere in positivo le difficoltà di questi tempi”.
Un insegnamento prezioso, arricchito col richiamo ad una bellissima frase di un poeta antico (Ovidio) che diceva così: “il creatore ha creato gli animali con la faccia prona, ma agli uomini comandò di guardare eretti il cielo e di volgere lo sguardo verso le stelle”.
Ne traggo spunto per dirvi: schiena diritta, sguardo verso le stelle, con dignità e speranza, e conquisterete, come tanti anni fa, i nostri combattenti per la libertà, un futuro democratico e antifascista.





   CHI SIAMO




   LA COSTITUZIONE della
   REPUBBLICA ITALIANA












Contatore visite a partire da
04 agosto 2014


Contatore accessi gratuito